fermarsi

Ciao a tutti;
oggi devo prendere atto di alcune cose che ultimamente sono cambiate e che devo aggiustare le mie priorità per non entrare in un vortice di pressapochismo e non uscirne più.

La sostanza è che non cammino più e se lo faccio lo faccio davvero a fatica. Mi spiace ma proprio non riesco a dare un freno all’avanzare della malattia e il tutto mi crea dei problemi che non pensavo di avere e ai quali purtroppo devo in qualche modo far fronte.
Le cose sono lunghe e difficili purtroppo ci vuole un po’ di tempo ma credo e spero di riuscire in qualche modo di farci fronte ma prima devo chiedere scusa per i miei comportamenti che forse possono sembrare, e in parte purtroppo lo sono, così strani da chi mi conosce.

Devo scusarmi pubblicamente e penso proprio che lo farò.

A presto

Marco

Pubblicato in Malattia | Lascia un commento

la sedia

E’ un periodo un po’ così.. fatto di riflessioni e solitudini vissute in silenzio e cercando di fare buon viso a cattivo gioco sempre e comunque.
La sedia a rotelle mi sta stretta.. nel senso che vorrei non averla non che non mi ci riesco a sedere ovviamente ma il concetto è davvero triste. Quando salgo in ascensore sono costretto a guardarmi allo specchio e quello che vedo, se devo essere sincero, proprio non mi piace.

Non mi piace questa condizione non mi piace per come sono fatto e per come mi costringe non a chiedere ma a ottenere dagli altri quel senso di pena che mi fa stare male. Ridere sempre e comunque non posso fare altro così come non posso fare altro che sorridere quando qualcuno scherzando la tratta come il passeggino di un bimbo un po’ cresciuto e in sovrappeso per poterci stare su. Mi fa male anche se forse la mia è solo una ubriacatura che ancora non capisco effettivamente forse perché è tutto nuovo. Dalle persone che si comportano in modo nuovo alle prospettive più basse al dover arrivare a casa e fiondarmi a letto perché non riesco a fare altro alla disabilità che continuano a non darmi per motivi che immagino siano solo perché in sedia non c’ero ancora e che spero mi diano al termine di questa maledetta diatriba che mi sta stancando prima di cominciare.

Guardo i video in TV e vedo inesorabilmente gente allegra e spensierata senza un problema che ha a che fare con quelli ai quali devo far fronte io ogni fottuto giorno. Li vedo disperarsi per un bacio non dato o fare gesti stupidi per motivi che non si capiranno mai veramente. Cosa dovrei dire? Cosa dovrei fare? Buttarmi in un cestino dell’umido abbastanza grande da contenermi? E perché? La vita è difficile lo so già di mio e non mi sorprende che ci siano altri modi di vederla al di fuori del mio ma cazzo signori… NON ESAGERATE.. oggi devo parlare con la dottoressa. Vorrei fare degli esami delle urine per capire se ho ferro nel sangue e queste analisi si chiamano sideruria. Li ho fatti ma alla fine ho dato la pipì normale ma ancora non so perché non mi hanno chiesto quella del giorno intero o delle 24 ore per essere più precisi pertanto sono un po’ spiazzato sia perché vorrei capire e sia perché non me la raccontano giusta. E’ incredibile come appena ti distrai un attimo cercano tutti di fregarti.. ma io non sono un dottore e devo fidarmi di quello che mi dicono. Quanto mi stanca questo discorso. Forse è solo il momento che spero passi presto anche perché sono demoralizzato.. spero di avere notizie positive anche se sento il mio corpo darmi notizie diverse ogni giorno.

Scusate non so cosa pensare.

ciao a tutti

Pubblicato in Malattia | Lascia un commento

invalidità

Buongiorno,
vorrei capire qualcosa sulla invalidità chiesta 6 mesi fa e rifiutata senza alcun motivo apparente se non il fatto che la richiesta la ho eseguita quando ancora barcollavo ma camminavo sulle mie gambe. E’ assurdo cazzo.. assurdo che per chiedere l’invalidità debba comportarmi da finto invalido per poterla ottenere.

Ma un invalido può cambiare tutto sapendo che chiunque gli parli è contro di lui? Io posso cambiare le cose oppure mi tocca viverle sulla mia pelle ed averle così come vengono? Ho fatto richiesta di poter denunciare queste persone perché non mi dicono niente? Hanno già dimenticato tutto o stanno aspettando un mio sì per che cosa non lo ho ancora capito?

Cazzo come ti giri ti giri vedo solo gente che sparisce e cambia strada.. che sia una responsabilità mia? Ah.. non ho idea di che pensare ormai sono così fermo che la sedia a rotelle è l’unica possibilità che mi si prepara davanti.. devo comprarne una almeno per il lavoro.. penso sempre di rimandare ma adesso non si può più.. se faccio 20 metri trascino la gamba per la stanchezza. Può considerarsi vita questa? Mi sento abbandonato dalla fortuna.. o forse da tante cose.. non so come continuare.. ho solo paura.. tanta paura che tra 6 mesi non cambierà un cazzo e sarò da punto e a capo..

Scusate non so come continuare forse devo solo concedere a me stesso il tempo che serve perché tutto si sistemi ma come? Già.. questa è la domanda da un milione di euro.. come? Con una nuova medicina? Aspettando un intervento? Non lo so.

Ciao a tutti

Pubblicato in Malattia | Lascia un commento

una questione di dimensioni

Buongiorno a tutti,

vorrei parlarvi delle dimensioni dei miei globuli rossi. Per inciso essendo microcitemico i miei globuli rossi sono più piccoli del normale. Ma alla fine la dimensione si ferma a 6 o 7 micrometri. Non saprei manco la lettera per i micron quale sia ma comunque la domanda che volevo e voglio porgere è la seguente: la molecola della cannabis avete idea di che ordine di grandezza possa essere?

Non saprei perché le uniche informazioni che sono riuscito a trovare riguardano il peso molare e non mi ricordo come, e soprattutto se è possibile,  eseguire il cambio e risalire alle dimensioni.

Il fatto è che vorrei comprendere se la cannabis può agganciarsi anche più di due globuli rossi invece che di uno soltanto.. ecco.. vorrei sapere se è possibile questo e immagino di dover parlarne con il mio medico..

ok le scrivo una mail ^_^

Pubblicato in Malattia | Lascia un commento

Nonno Cornelio

Non ho idea se il collegamento funziona oppure no. In questa strage hanno ucciso il mio bis-nonno Cornelio. Pensate era un ragazzo del 1899 e in guerra era sopravvissuto e non so cosa abbia mai raccontato a suo figlio o se lo ha mai fatto. La sua uccisione ebbe effetti sconvolgenti per mio nonno e, di conseguenza, su tutta la mia famiglia… non voglio tediarvi ma i casini che quell’omicidio ha causato non sono mai riuscito a contarli tutti..

Clicca qui

Pubblicato in Varie | Lascia un commento